PREMIO GOOD FRIULADRIA

                     

Premio Good-FriulAdria 2015 a Joe Bastianich

Terza edizione del Premio Good-FriulAdria “La letteratura in cucina” istituito nel 2011.
Il riconoscimento, ideato dalla Banca in collaborazione con Udine e Gorizia Fiere e Fondazione Pordenonelegge, va a uno dei nomi più popolari della ristorazione italiana


(Udine, 27 ottobre 2015) Joseph Bastianich, ristoratore, scrittore, musicista, triatleta e volto noto televisivo, attualmente uno dei nomi più popolari del Food italiano e internazionale, è il vincitore della terza edizione del Premio Good-FriulAdria “La letteratura in cucina”, organizzato in partnership da Udine e Gorizia Fiere, FriulAdria Crédit Agricole e Fondazione Pordenonelegge.
Joe Bastianich, che riceverà il Premio per l’attività letteraria che ha accompagnato la sua carriera di imprenditore della ristorazione, verrà intervistato sabato 7 novembre alle ore 17.30 nello spazio eventi del padiglione 6 della Fiera dallo scrittore Alberto Garlini, uno dei curatori del festival pordenonelegge.

“Il Premio Good-FriulAdria 2015 va a Joe Bastianich – recita la motivazione ufficiale – per avere saputo trasformare la grande cucina - riscoprendo i sapori delle origini, intrisi dei paesaggi e della bellezza italiana - in un evento che si confronta con la comunicazione contemporanea. Anticonvenzionale, innamorato del buon vivere, Bastianich prima scopre le colline toscane e l’Italia girandola a bordo della sua Fiat Croma, e poi, ritornato in America diventa un restaurant man di grande successo. Un fecondo intreccio di buon gusto e cultura che lo porta a essere una star televisiva e a contribuire in modo determinate alla narrazione dello stile di vita italiano nel mondo globalizzato. Bastianich ci insegna che, se crediamo ai nostri sogni, e se ci spendiamo completamente per loro, questi sogni possono diventare realtà”.

Fresco vincitore del Bancarella Cucina insieme a Sara Porro, l’ultimo libro autobiografico di Joe Bastianich dal titolo “Giuseppino” accompagna il lettore in un percorso intimo e divertente dentro una vita da romanzo. Figlio di esuli istriani emigrati a New York, Giuseppino, come lo chiama nonna Erminia, scopre la bellezza del Belpaese cominciando a guardare l'Italia con meno diffidenza. Successivamente, finita l'università, vaga in auto alla scoperta della Penisola, girandola per un anno. Al ritorno in America diventa un restaurant man di grande successo, e per vent'anni l'Italia rimane soltanto un flirt estivo. Ma quando scopre che il format televisivo di MasterChef andrà in onda anche nella versione italiana, fa di tutto per diventare uno dei giudici dell'edizione locale. Tra Joe e l'Italia scoppia quindi l’amore, mentre il pubblico lo consacra come una delle celebrità del piccolo schermo. Nel 2013 Bastianich apre il ristorante "Orsone" a Cividale del Friuli, dove già possiede l'Azienda Agricola Bastianich, e avvia il fortunato happening Bastianich Music Festival.

Assegnato nella sua prima edizione (2011) al fondatore del mitico Harry’s Bar di Venezia, Arrigo Cipriani, e nella seconda edizione (2013) al padre della nuova cucina italiana, Gualtiero Marchesi, il Premio Good-FriulAdria propone, con cadenza biennale, una positiva contaminazione tra due mondi, quello dell’enogastronomia e quello della letteratura. Di tale collegamento FriulAdria Crédit Agricole è ideatrice e promotrice. Dopo le fruttuose sinergie create tra i festival pordenonelegge, èStoria e il Premio giornalistico Luchetta, FriulAdria – attraverso il link creato con il Salone Good – conferma nuovamente il ruolo di banca-ponte tra le eccellenze del Friuli Venezia Giulia, nella convinzione che l’ottica di sistema e l’azione coordinata tra queste iniziative arrechi benefici all’intero sistema regionale.

Oltre ad abbinare il proprio brand al Premio che porta il suo nome, FriulAdria si conferma il principale partner privato di Good, il salone delle specialità enogastronomiche e agroalimentari organizzato da Udine e Gorizia Fiere. Anche attraverso questo sostegno, FriulAdria intende rafforzare il proprio posizionamento di banca dell’agroalimentare, ovvero di partner di riferimento per gli operatori della filiera che va dalla terra alla tavola, in coerenza con la politica a livello nazionale del Gruppo Cariparma Crédit Agricole.
 

Scarica il comunicato in versione pdf